PRD 100: il rilevatore di radioattività per uso personale

Il rilevatore di radioattività Beta e Gamma portatile dotato di tecnologia wireless Bluetooth ®.

 

PRD-100: il rilevatore di radiazioni Beta e Gamma con tecnologia Wireless per il collegamento con Smartphone, Tablet e Notebook. LOGO UFFICIALEPRD-100: il sensore di radiazioni Beta e Gamma per uso personale. Piccolo, Facile da usare, interfacciabile con Smartphone, Tablet e Notebook; con un click condividi i dati, la posizione e le fotografie su Internet, via e-mail e sui principali social network. PRD-100: il geiger detector portatile, progettato per uso personale; comunica via Bluetooth con Smartphone, Tablet e Notebook. App gratuita per Android

CHE COSA E’ PRD 100

Il PRD 100 (Personal Radiation Detector) è un rilevatore di radiazione portatile (noto anche come geiger-müller detector o contatore geiger), facile da usare, per un utilizzo personale e quotidiano. Il dispositivo rileva la presenza di radiazioni ionizzanti negli spettri Beta e Gamma e informa rapidamente gli utenti del pericolo attraverso un semplice display a led colorati ed un apposito buzzer sonoro. Oltre alla tempestiva segnalazione luminosa, il rilevatore PRD 100 genera un allarme sonoro in presenza di elevati livelli di contaminazione di oggetti, materiali e sostanze solide, liquide e gassose, come cibo, aria, terreno, …. PRD 100 funziona con batterie Alcaline o Ricaricabili da 1,5 V di tipo AA.

RILEVA IN MODO RAPIDO e CONDIVIDE IN RETE

Il sensore di radioattività PRD 100 può operare in modalità stand-alone e in modalità on-line, inviando i suoi dati via Internet, tramite il collegamento Wireless. Il rilevatore è infatti provvisto di una interfaccia radio di tipo Bluetooth 2.0. Questo permette al dispositivo di inviare i dati delle rilevazioni effettuate direttamente sul display di uno Smartphone o Tablet (Android). All’utente vengono così mostrate sul display ed in modo dettagliato le informazioni più importanti come: giorno, l’ora della misurazione, i livelli riscontrati, la posizione GPS dello Smartphone e numerosi altri dati utili.

PRD 100, rileva, visualizza e condividi i controlli di radioattività

NOTIFICA REMOTA DEGLI ALLARMI

I controlli effettuati e gli eventuali allarmi possono essere facilmente visualizzati e condivisi via Internet, sotto forma di post, notifiche ed e-mail. Le notifiche possono quindi apparire sulla bacheca personale dell’utente o dell’organizzazione sui principali Social Network (es. Facebook e Twitter) ed inoltre inviate via e-mail.

ADATTO ANCHE PER LUNGHE MISURAZIONI

Oltre al funzionamento con batterie, il sensore PRD 100 può funzionare con una sorgente di alimentazione esterna. Una apposita presa micro-USB prevista sul fianco del rilevatore consente di alimentare per lunghi periodi con una tensione di 5 Vdc il dispositivo, permettendo di effettuare anche lunghi controlli delle dosi assorbite. Nel caso di alimentazione con sorgente esterna, le batterie vengono automaticamente disabilitate e preservata la carica.

APP PER DISPOSITIVI ANDROID

Due apposite APP per terminali e dispositivi Android sono disponibili su Google Play Store.

– APP ALBERT Light per PRD-100 e dispositivi Android

– APP MARIE PRO per PRD-100 e dispositivi Android


Vista il sito ufficiale del sensore PRD-100

Come funziona PRD-100, il rilevatore di radiazioni Beta e Gamma

> torna ai PRODOTTI ITS

5 thoughts on “PRD 100: il rilevatore di radioattività per uso personale

  • 7 maggio 2015 at 07:54
    Permalink

    Buongiorno, il PRD-100 rileva la radioattività anche relativamente al materiale edilizio già installato (es. su mattoni di muri finiti dopo alcune mani di pittura ed altri rivestimenti) e se si a quale distanza è necessario tenere lo strumento per una efficace rilevazione?
    Grazie
    Alessandro

  • 7 maggio 2015 at 08:10
    Permalink

    Buongiorno, in attesa di risposta alla precedente domanda, Vi chiedo se sia opportuno procedere ad una ulteriore taratura dello strumento, ed in caso affermativo, dopo quanti anni in media e quanto costerebbe?
    Grazie.
    Alessandro

  • 7 maggio 2015 at 08:20
    Permalink

    Buongiorno Sig. Alessandro, i materiali e le sostanze radioattive hanno un diverso potere di “penetrazione” e hanno una energia differente a seconda della natura della fonte di contaminazione.
    A priori non è possibile conoscere la fonte “inquinante” o “pericolosa per la salute” quindi conviene sempre effettuare le rilevazioni il più vicino possibile al bene, materiale o sostanza da controllare.
    PRD 100 rileva le emissioni Beta e Gamma, le più pericolose e con il maggiore potere di penetrazione.

    Alfa: Le radiazioni ionizzanti costituite dai raggi alfa sono caratterizzate da un basso potere di penetrazione nei materiali e possono viaggiare solo per pochi centimetri nell’aria e possono essere bloccati anche da un semplice foglio di carta. Possono quindi essere assorbiti dagli strati più esterni della pelle umana e così generalmente nella scala di pericolosità al gradino più basso, a meno che la sorgente non venga inalata o ingerita (es. avvelenamento da Polonio 210 o da gas Radon 222).

    Beta: Le radiazioni costituite da raggi beta, invece, hanno un potere di penetrazione nei materiali decisamente più alto rispetto alle radiazioni Alfa. Possono infatti penetrare nel corpo umano, ma possono essere schermate attraverso l’uso di alcuni materiali metallici (es. un foglio di alluminio di pochi millimetri).
    Sono fonti di radiazioni di tipo beta sostanze come il Cobalto (Cobalto-60), lo Iodio (Iodio-131), il Cesio (Cesio-137), lo Stronzio, il Rubidio, il Potassio (Potassio-40), ….

    Gamma: Le radiazioni di tipo gamma sono in ordine le più pericolose a causa della loro energia e del conseguente elevato loro potere di penetrazione nei materiali e nelle altre sostanze. Sono fonti di radiazioni ad esempio il Cesio 137 (Cs.137) che decade diventando Bario 137, il Cobalto (Cobalto-60) contenuto in alcune leghe metalliche per uso avionico e in alcuni acciai speciali (ed inoltre presente in alcuni utensili da lavoro, pigmenti, vernici, elettrodi, ceramiche, magneti, leghe per la produzione di gioielli, turbine, radioterapia, nella sterilizzazione di cibi, radiografie e viene usato anche come tracciante radioattivo), il Nichel (Nichel-63), e diversi altri elementi chimici o materiali.

    Consigliamo quindi di effettuare i controlli sempre il più vicino possibile ai beni o materiali da controllare. La procedura di controllo è molto semplice ed avviene in modo rapido.

    Staff PRD 100

  • 7 maggio 2015 at 08:43
    Permalink

    Buongiorno Sig. Alessandro,

    il rilevatore PRD 100 non necessita di taratura periodica. La precisione del rilevatore è data dal tubo Geiger-Muller contenuto nel rilevatore. La vita del tubo J305YB è garantita dal produttore ed è stimata in (Life Time) 1 × 109 = 1,000,000,000 (one billion of pulses). Questo valore è una stima ufficiale rilasciata dal produttore del tubo ed è un valore decisamente affidabile per questo genere di sensori. L’impulso equivale ad una rilevazione di radioattività (rilevata nei valori CPS o CPM). In assenza di radiazioni il tubo non si esaurisce e il valore di “tempo di vita” rimane inalterato.

    In caso di rilevazione di una possibile fonte di pericolo, è sempre consigliabile effettuare una seconda rilevazione. Se confermata la seconda rilevazione, è consigliabile avvisare le autorità (Forze dell’Ordine) che provvederanno ad effettuare una rilevazione con strumenti da laboratorio per identificare e discriminare meglio la natura della sorgente radioattiva, isolando la fonte di pericolo.

    Le segnaliamo che il rilevatore PRD 100 è acquistabile in Italia da MEGA ITALIA MEDIA srl al seguente indirizzo: http://www.megaitaliamedia.com
    al prezzo di 123 € (+ contributo spedizione).

    Link diretto per l’acquisto:
    http://www.megaitaliamedia.com/store/attrezzature-presidi-Cec-5/sicurezza-sul-lavoro-Sec-7/prd-100-personal-radiation-detector-PRec-7188/

    Per ulteriori informazioni può contattarci al seguente indirizzo:

    sales@prd100.com oppure a info@prd100.com

    Staff PRD 100

  • 30 marzo 2017 at 11:38
    Permalink

    E’ possibile utilizzarlo per verificare in tempo reale la presenza di metalli pesanti nei cibi?

Lascia un commento